Iscriviti alla nostra Newsletter

Visitatori

RESINE TERMOPLASTICHE

Le resine termoplastiche sono polimeri lineari o ramificati. Sono resine termoplastiche:

POLIETILENE - è il più semplice dei polimeri sintetici ed è il più comune fra le materie plastiche, ha ottime proprietà isolanti e stabilità chimica, è un materiale molto versatile: gli usi più comuni sono isolante per cavi elettrici, film per l'agricoltura, borse e buste di plastica, contenitori di vario tipo, tubazioni, strato interno di contenitori asettici per liquidi alimentari e altri, tappi in plastica, giocattoli, flaconi per il contenimento di detersivi o alimenti. I parametri usati per definire i campi di applicazione e i processi produttivi più adatti sono la densità e l'indice di fluidità MFI.

LDPE - polietilene a bassa densità - ottenuto dalla polimerizzazione dell'etilene, può essere estruso e soffiato, o stampato;
LLDPE - polietilene lineare a bassa densità - Può essere usato per realizzare pellicole sottili;
MDPE - polietilene media densità;
HDPE - polietilene alta densità - viene lavorato in stampaggio ad iniezione ed estruso. Può essere impiegato per numerose applicazioni grazie alla sua facile lavorabilità.

     



POLIPROPILENE - è un polimero termoplastico semicristallino caratterizzato da un elevato carico di rottura, una bassa densità, una buona resistenza termica e all'abrasione. È usato sia come materiale modellabile che come fibra tessile. L'uso del polipropilene si è esteso a vari campi dell'industria, un esempio importante è l'industria di produzione dei tubi per acqua e gas; vengono prodotti in PP tappeti e moquette, aeromodelli dinamici ma anche oggetti e componenti da costruzione contenitori per cibo, cartelle, bidoni per immondizia da ufficio, articoli di packaging.

OMOPOLIMERO - polimero costituito dall'unione di piccole molecole di partenza (monomeri) di un solo tipo. Il PP OMO è utilizzato per produrre: casalinghi, articoli di Vestiario/calzature, particolari per imballaggio.
COPOLIMERO - polimero, la cui catena polimerica contiene monomeri di due o più specie differenti.




POLISTIROLO - Essendo un polimero termoplastico può essere fuso e rimodellato: a temperatura ambiente è una plastica rigida trasparente, oltre i 70 °C, al crescere della temperatura diviene sempre più plastico e scorrevole, inizia a decomporsi alla temperatura di 270 °C. Può essere lavorato nello stampaggio e nella termoformatura. Col polistirene viene realizzato un numero enorme di articoli nei più disparati settori applicativi: domestico, industriale, edilizia, alimentare - piatti, bicchieri e posate di plastica monouso, coibentazione di divisori per l'isolamento termico acustico di tetti, pareti, pavimenti; Il polistirene viene anche usato per i giocattoli e per le "carcasse" degli asciugacapelli, dei computer e degli elettrodomestici per la cucina.

- Il polistirolo cristallo GPPS - ha bassa resistenza all'urto ma ottima rigidità, è quello delle custodie dei CD o delle penne BIC: rigido e semitrasparente.
- Il polistirolo antiurto HIPS - polistirolo ad alto impatto: ottima resistenza all'urto, ottima elasticità.

     


PVC - Il cloruro di polivinile - Viene considerato stabile e sicuro nelle applicazioni tecnologiche, a temperatura ambiente, ma estremamente pericoloso se bruciato o scaldato ad elevate temperature e in impianti inidonei. Risulta essere molto sensibile alla luce ad al calore. Si distingue il PVC plastificato, ovvero addizionato di additivi plastificanti che ne aumentano la morbidezza che è abitualmente stabilizzato con l'aggiunta di formulati contenenti soprattutto sali di calcio bario e zinco dal PVC rigido che viene abitualmente stabilizzato con derivati organometallici dello stagno, con saponi di piombo o di calcio e zinco.

Gli utilizzi del PVC sono innumerevoli, per aggiunta di prodotti plastificanti può essere modellato per stampaggio a caldo nelle forme desiderate. Può essere ridotto a pellicola oppure a liquido con cui vengono spalmati tessuti o rivestite superfici, serbatoi, valvole, rubinetti, vasche e fibre tessili artificiali. Le applicazioni più rilevanti sono la produzione di tubi per edilizia (ad esempio grondaie e tubi per acqua potabile) profili per finestra, pavimenti vinilici, pellicola rigida e plastificata per imballi e cartotecnica.

     
         
           
Materiale Densità g/cm³ Resistenza a trazione
MPa
Resistenza all'impatto
Izoz, J/m
Ridità dielettrica
V/mm
Massima temperatura
senza carico °C
Polietilene:          
bassa densità 0.92-0.93 6-17 - 1900 80-100
alta densità 0.95-0.96 20-37 20-750 1900 -
PVC Rigido, clolurato 1.49-1.58 52-62 50-300 - 110
Polipropilene 0.90-0.91 33-38 20-120 25000 110-150
Stirene-acrilonitrile (SAN) 1.08 69-83 20-27 70000 60-105
ABS, uso generale 1.05-1.07 41 320 1500 70-95
Acrilati, uso generale 1.11-1.19 76 120 17000-19700 55-110
Cellulosici, acetati 1.2-1.3 21-55 60-360 9800-23500 60-105
Politetrafluroetilene 2.1-2.3 7-28 130-210 15800-19700 290